Buscar este blog

Contador de visitas

15/12/09

Mi vida en Padova (IX): Vuelta a Madrid


Dopo quasi tre mesi sono tante le cose che mi sono sucesse che non so come cominciare.


Ho viaggiato ovunque, cioè per una parte importante dell'Italia. Sono andato a Roma, Milano, Firenze, Siena, San Gigminiano, Brescia, Bologna, Ferrara, Venezia, Vicenza, Treviso, Rovigo e Verona.


Ho conosciuto molta gente interesante, e non solo quelli spagnoli che venivano con me a Padova, ma italiani che ho conosciuto qua e con cui ho fatto amicicia.


Ho imparato un po' di più l'italiano quindi penso che sono capace di cavarmela da solo senza aiuto, infatti ho dovuto farlo spesso non solo nel lavoro ma anche quando viaggiavo oppure parlando con i miei amici.


Ho comprato anche libri, dischi, riviste e tutta questa roba che me permette d'imparare anche quando rimanevo a casa.


Purtroppo non ho trovato lavoro qua e non è per non cercarlo ma sicuramente continuerò a cercarlo a Madrid già che mi piacerebbe rimanere in Italia tanto tempo como sia posibile. Mica ho detto la mia ultima parola.


La mia vità qua è stata molto diversa da quella che avevo a Madrid. Coloro che mi conoscono sanno che nos esco spesso e guardo la tv (sia per giocare o per guardare partite) spesso. Qua non ho mai visto la tv. Uno dei primi giorni ho rotto il telecomando (non per scelta) e cosi via. Fino alla fine.


Sono uscito spesso, non solo per viaggiare ma anche a Padova con i miei amici. Il mercoledi andavamo nel K (un pub) fino a mezzanotte perché dovevo prendere il tram. Qui i mezzi di trasporto non sono i migliori ma nemmeno mali.


Un paio di volte ho dovuto prendere la bici d'un amico per ritornare a casa dopo una serata di poker oppure una cena tra amici, essendo la prima volta che prendevo una da dodici anni. Pazzesco!


Allora, ritorno a Madrid con un sacco de cose sulle spalle: un livello d'italiano più alto, nuovi amici, ricordi indimenticabili di viaggi ed incontri e anche penso che un po' di più di maturità, o al meno penso che sono più vicino al uomo che penso devo essere.


Eppure tutto è finito, e col tempo questa esperienza sarà solo un ricordo, bello ma non più d'un ricordo, ma magari tutti i miei ricordi fossero come questo.


Ora ritorno a Madrid ma la mia avventura italiana mica ha finito di scriversi.
Publicar un comentario